CONTRATTO, BOCCIATO IL RICORSO IN APPELLO: GIORNALISTI CONDANNATI A PAGARE LE SPESE

Respinto il ricorso contro il contratto

Respinto il ricorso contro il contratto

Il ricorso in appello contro il contratto nazionale di lavoro Fieg-Fnsi tuttora in vigore è totalmente infondato. Lo ha deciso la Corte d’Appello di Roma rigettando l’istanza dei giornalisti Massimo Alberizzi, Pierangelo Maurizio, Nicoletta Morabito e Fabrizio De Jorio. Dopo il rigetto del ricorso in tribunale, i quattro avevano proposto appello, ma se lo sono visti respingere.

Alberizzi, Maurizio, Morabito e De Jorio sono stati condannati anche al pagamento in solido delle spese nei confronti della Fieg e della Fnsi per complessivi 9515 euro ciascuna, oltre alle maggiorazioni inerenti l’Iva e la Cassa di previdenza degli avvocati.

La Corte d’Appello ha ritenuto «non sussistente la legittimazione degli attori-appellanti ad agire per far valere l’invalidità delle deliberazioni della Giunta esecutiva della Fnsi, né comunque sussistente l’interesse degli stessi attori-appellanti ad agire, interesse che deve essere concreto ed attuale, giacché l’eventuale rimozione di dette deliberazioni non farebbe venir meno gli accordi collettivi».

Questa voce è stata pubblicata in Nazionale, news e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.